Il primo aquilone acrobatico

di Tullo Lolli

La scelta del primo aquilone acrobatico per un principiante è sempre fonte di lunghe discussioni sui forum di aquiloni acrobatici, proviamo anche noi a darvi qualche consiglio, alla luce della nostra esperienza .

In commercio si trovano aquiloni acrobatici che superano i 350/400 euro, ma per cominciare a divertirsi non è necessario spendere tanto, d’altra parte vi sconsigliamo modelli al di sotto di un certo livello, che trovate in grandi magazzini o negozi non specializzati.

Gli aquiloni per principianti a basso costo di solito hanno una apertura alare molto piccola, tra i 100 e i 130 cm e la struttura in fibra di vetro. queste due caratteristiche fanno si che l’aquilone abbia poca superficie velica e sia pesante, per cui avrà bisogno di molto vento per volare, condizione spesso difficile da trovare. La fibra di vetro oltre ad essere pesante è anche molto elastica, l’aquilone quindi sarà poco reattivo, questa caratteristica può aiutare un bambino alle primissime armi ma sarà detestata da chi ha già un minimo di voli alle spalle.

Le piccole dimensioni comportano anche il fatto che l’aquilone diventi molto veloce e quindi, soprattutto per un principiante, difficile da controllare.

Gli aquiloni molto economici solitamente hanno in dotazione cavi altrettanto economici in dacron, anch’essi molto elastici, quindi ancora aquilone poco reattivo se non nei casi peggiori del tutto ingovernabile.

Una alternativa indicata per i principianti sono i piccoli aquiloni foil, cioè senza stecche, in pratica sono piccoli aquiloni da trazione, date le piccole dimensioni però possono essere utilizzati da tutti senza difficoltà; non avendo una struttura rigida sono quasi indistruttibili e una volta chiusi occupano pochissimo spazio, ottimi per chi vuole avere un aquilone sempre con se. Per volare richiedono vento piuttosto sostenuto, soprattutto i modelli più piccoli.

Riassumendo quindi non occorre spendere un capitale per avvicinarsi al mondo degli aquiloni acrobatici, ma se volete acquistare un aquilone delta 2 cavi verificate che:

  • abbia la struttura in carbonio
  • apertura alare di almeno 150/160 cm, meglio se 180/200 cm
  • i cavi in dotazione siano in Dynema, se non li ha comprate dei cavi di buona qualità, li potrete sempre utilizzare anche con i futuri aquiloni

Gli aquiloni di questa fascia economica hanno prezzi indicativamente tra i 50 e i 90 euro.

Se avete un budget tra i 100 e i 160 euro circa si passa già ad una fascia superiore, aquiloni con maggiore apertura alare, tra i 200 e i 220 cm e possibilità di affrontare un volo più tecnico e i tricks, questa fascia di prezzo si rivolge a chi ha già imparato a tenere l’aquilone in aria e cerca qualcosa per divertirsi ancora di più!

Più si sale con il prezzo e più i materiali sono pregiati: vela in icarex, stecche in carbonio avvolto, e aumenta l’apertura alare dell’aquilone, fino ad arrivare agli aquiloni da competizione, costruiti in piccole quantità da aziende artigianali, quasi sempre prodotti su ordinazione.

Questi aquiloni sono quasi sempre disponibili in diverse versioni per utilizzarli in qualsiasi (o quasi) condizione di vento, si va dai SUL (super ultra light per venti debolissimi) ai vented (ventati, per vento forte), passando per gli UL (ultra light, per venti leggeri) e STD (standard, per condizioni normali) per volare con venti che partono da 3/4 km/h fino ai 30/45 km/h. L’uso di un aquilone SUL o ventato è a mio parere riservato a chi ha già esperienza di volo, i SUL e gli UL (ultra light) sono aquiloni piuttosto delicati per le stecche molto leggere che usano, inoltre per volare con poco vento oltre all’aquilone giusto ci vuole anche una certa sensibilità nei movimenti delle mani e del corpo. Quindi se volete cominciare direttamente con un aquilone di fascia alta scegliete uno standard.

I festival e gli incontri aquilonistici sono ottime occasioni per provare aquiloni, scambiarsi consigli e imparare cose nuove, quindi non siate timidi e non esitate a chiedere a chi è più esperto di voi.

Buon vento !!!!

 

Guida aggiornata il 12 agosto 2012


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*